Letta lancia Riccardi per il Quirinale, mentre il centrodestra ha la Sindrome Michetti

Domani si va verso la scheda bianca per entrambe le coalizioni. Il Pd gioca la carta Sant’Egidio. Salvini alle prese con le risse interne dopo la rinuncia del Cav.

Lunedì in bianco. Per la prima votazione del nuovo capo dello Stato l’indirizzo di rossogialli e del centrodestra è non indicare nessun nome sulla scheda. Lo ha detto Enrico Letta durante l’assemblea dei grandi elettori del Pd. Una riunione in cui ha parlato solo il segretario. Dando comunque una notizia: “Il mio profilo ideale è quello di Andrea Riccardi“. Il fondatore della comunità di Sant’Egidio, la Ong di Trastevere, è la carta che Pd e M5s mettono sul tavolo per bloccare il candidato di centrodestra.

Nell’altro schieramento regna il silenzio e la tensione dopo la rinuncia di Silvio Berlusconi. Il fronte è spaccato: Giorgia Meloni non ha chiuso a Mario Draghi e fa sapere che non voterà Pier Ferdinando Casini. Elisabetta Casellati, presidente del Senato, al momento è data in ribasso dopo una giornata in cui Matteo Salvini ha cercato anche di capirne l’efficacia, numeri alla mano. Il boccino è nelle mani del leader Lega: oggi ha riunito i vertici del partito, i governatori e i delegati regionali. Tra i parlamentari del Carroccio serpeggia nervosismo: è l’unico partito che al…