Leo Messi e il contratto con l’Arabia Saudita (che ora imbarazza)- Corriere.it

Lo scorso maggio il campione dell’Argentina ha firmato un contratto per promuovere l’Arabia Saudita. Che si candider per ospitare la Coppa del mondo 2030

Forse un po’ eccessivo sostenere che Leo Messi si venduto al diavolo, come titola The Athletic. Per certo che, se il diavolo si vede nei dettagli, qualcuno potrebbe trovare da ridire sul contratto, a diversi zeri, firmato lo scorso maggio dal campione per promuovere l’Arabia Saudita nel mondo. Specialmente ora che Messi in preda ai fantasmi mondiali dopo la clamorosa sconfitta della sua Argentina proprio con l’Arabia Saudita: anche se chiaramente sbagliato vedere, in questa coincidenza, qualcosa pi di un dettaglio — appunto — imbarazzante.

I termini dell’accordo non sono stati resi noti, ma si dice che Ronaldo, suo eterno rivale, ne abbia rifiutato uno da 5 milioni all’anno e quello di Messi fosse cinque volte superiore.

E adesso fa uno strano effetto vedere su Twitter le foto di Messi del maggio scorso che ammira un tramonto a Jeddah a bordo di uno yacht, o celebrato dal ministro del Turismo Ahmed al-Khateeb, tra ali di folla all’aeroporto. La stessa folla che in queste ora ha invaso una piazza centrale di Doha (con dispetto massimo degli ex nemici qatarini) e che domani celebrer la festa nazionale…