«Le milanesi sono belle senza sforzo. E da single ora posso permettermi di notarlo»- Corriere.it

L’imprenditore intervistato, insieme a Carlo Traglio ed Emanuela Schmeidler, nel nuovo episodio del podcast «La Milanese», sulla moda (protagonista della settimana in città): «I turisti del lusso qui possono capire cosa succederà»

«Mio padre che si definiva un milanese d’adozione, diceva sempre che Milano aveva donato a Trussardi il mondo, perché attraverso Milano il suo brand si era fatto conoscere dappertutto».

Tomaso Trussardi, protagonista del nuovo episodio del podcast «La Milanese» (qui la serie completa) insieme a Carlo Traglio, presidente di Vhernier, e la pr milanese Emanuela Schmeidler, racconta la Fashion Week e la moda a Milano dal suo osservatorio privilegiato.

«Già negli anni ’70-’80 si sfilava in Fiera: tutti gli stilisti, da Armani a Valentino, Missoni, Ferré, Fiorucci, Krizia, insomma tutti i celebri dell’epoca avevano già creato una sorta di consorzio che poi divenne la Camera nazionale della moda milanese. Già allora la prima meta di viaggio per un turista del lusso – che fosse giapponese, americano o inglese – era Milano, perché lì si poteva vedere in anticipo cosa sarebbe successo nella moda di alto livello».

Una riflessione che non prescinde dal presente, in cui il rituale delle sfilate sembra un po’ in transizione. «Il…