L’azienda di Treviso cerca 50 operai a Brindisi, ma non li trova. L’appello della Scandiuzzi- Corriere.it

Operai e addetti ai macchinari introvabili. Saldatori e carpentieri tra i profili pi difficili da reperire sul mercato. Alla Scandiuzzi Steel Constructions sembra impossibile trovare 50 addetti da assumere nel campo metalmeccanico. L’impresa veneta, attiva nel settore delle costruzioni metalliche, si sta scontrando con il cosiddetto mismatch, la mancanza di allineamento tra l’offerta e la domanda di lavoro. La nostra azienda – dice il direttore dello stabilimento di Brindisi, l’ingegner Fernando Parata – avverte da alcuni anni serie difficolt a reperire personale qualificato e, in particolare, saldatori, montatori, operai di carpenterie metalliche ed operatori di macchina.

L’ingegner Fernando Parata

Si tratterebbe poi di assunzioni basate sul Contratto nazionale collettivo dei metalmeccanici e quindi si parla di uno stipendio di circa 1.300 euro netti al mese che cresce in base alla specializzazione. Il tema, lato azienda, anche la necessit di assumere in tempi stretti. La Scandiuzzi opera da oltre 25 anni nell’area industriale di Brindisi e di recente ha ottenuto una serie di commesse a livello internazionale che richiedono un potenziamento sul fronte del personale a cui si aggiungono investimenti infrastrutturali, in parte gi realizzati, per oltre 3…