“L’asse Rui-Zielinski-Kvara è da scudetto”

Il Napoli che tutti i tifosi sognavano. Spalletti in estate ha plasmato a sua immagine e somiglianza un team di gran livello. I nuovi volti si sono inseriti nel modo migliore. Kvaratskhelia è già l’idolo incontrastato a Fuorigrotta che le sue giocate tra rapidità e classe pura. Kim è diventato in un batter d’occhio la colonna difensiva degna del predecessore Koulibaly. Senza dimenticare l’ottimo esordio da parte di Raspadori e Simeone.

Ora gli azzurri devono confermare tutto il buono dimostrato nelle prime uscite stagionali tra campionato e coppe. Al termine della sosta per le Nazionale sarà la volta del Torino di Juric al Diego Armando Maradona. Un crocevia non banale per monitorare i progressi di Anguissa e compagni. Soprattutto il binario di sinistra sta facendo vedere cose da standing ovation.

L’asse Mario Rui-Zielinski-Kvara è ormai una certezza. I dati sulle prestazione dei tre tenori partenopei non mentono. D’altro canto Di Lorenzo e Politano stanno comunque assicurando una lodevole continuità che mister Spalletti sta notevolmente apprezzando. Scudetto alla portata? La scaramanzia in Campania è un dogma incontrovertibile, ma il club del patron De Laurentiis ha l’obbligo di lottare per i vertici nazionali.

Roberto Pruzzo

Di solito quando hai…