L’agenda Meloni dopo il G20: manovra, migranti e stop del Colle sul cash

Giorgia Meloni è tornata dal G20 di Bali con la valigia piena di scadenze. La manovra, in primis. Oggi pomeriggio riunirà i capigruppo di maggioranza in vista del Consiglio dei ministri di lunedì. Pace fiscale e super bonus, i nodi da sciogliere. E poi la questione migranti, certo. Dopo lo scontro con la Francia la vertenza  è sbarcata a Bruxelles: il 25 novembre è in programma la riunione dei ministri dell’Interno  per un piano sui ricollocamenti, ma anche sui salvataggi. Dunque croce e delizia  del governo. Meloni è sbarcata a Roma dopo 18 ore di viaggio. Ad attenderla c’è stato anche lo stop del Quirinale al tetto fino a 5 mila euro del contante: norma contenuta nell’ultimo decreto Aiuti e poi respinta dagli uffici del Colle perché non rientrava fra i motivi d’urgenza del decreto. Spunterà nella manovra. Un piccolo segnale che non deve passare  inosservato sui rapporti fra il governo e il capo dello stato. 

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi…