Lacrime al Maxxi: dopo 12 anni finisce l’era Melandri

Facce a lutto per il saluto della presidente. Lei ricorda i suoi numeri e fa gli auguri alla nuova governance: “Consegnamo un gioiello frutto di tanta cura e tanta attenzione, che le rose continuino a fiorire sul sentiero del Maxxi, viva il Maxxi”.

In sala c’è indubbiamente commozione. Due ragazze in lacrime si consolano in un lungo abbraccio. Piange anche il curatore Hou Hanru. L’intera platea si alza in piedi per una standing ovation che dura alcuni minuti. È la fine di un’era. Quella di Giovanna Melandri alla guida del Maxxi di Roma. Dodici lunghi anni, sin dall’inaugurazione del complesso di Zaha Hadid, terminati per decisione del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano che ha scelto come nuovo presidente del Maxxi il giornalista Alessandro Giuli. “Oggi – dice Melandri – sono un po’ triste, ma anche molto molto orgogliosa del lavoro che abbiamo fatto”.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani…