La Turchia ha attaccato le milizie curde in Siria e in Iraq

La Turchia ha lanciato attacchi aerei sulle regioni settentrionali della Siria e dell’Iraq, ha confermato domenica il ministero della Difesa turco, prendendo di mira i gruppi curdi che Ankara ritiene responsabili dell’attentato dinamitardo della scorsa settimana a Istanbul.

Aerei da guerra hanno attaccato le basi Partito dei lavoratori del Kurdistan, o PKK, e delle Unità di protezione del popolo siriano, o YPG, ha affermato il ministero in una dichiarazione, accompagnata da immagini di jet F-16 in decollo e filmati di un attacco da un drone aereo.

Il ministero ha rivendicato il diritto della Turchia all’autodifesa ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite nel lanciare un’operazione chiamata Claw-Sword. Ankara sostiene di aver preso di mira aree “usate come base dai terroristi nei loro attacchi contro il nostro Paese”.

Gli attacchi aerei sono avvenuti l’attentato a Istanbul del 13 novembre in cui sono morte sei persone e…