la spinta russa e l’allarme lanciato da Zelensky- Corriere.it

Il Cremlino pu rivendicare alcuni successi e guadagna terreno, anche se lentamente. La situazione per gli ucraini difficile, ammette il leader di Kiev. L’obiettivo principale Severodonetsk, che accerchiata

Dopo una lunga serie di rovesci, il Cremlino pu rivendicare alcuni successi. Gli irriducibili di Mariupol si sono arresi, mentre nel Donbass le sue truppe hanno messo a segno dei progressi riconosciuti indirettamente dal presidente Zelensky: la situazione difficile, ha ammesso il leader nel suo messaggio notturno. L’avanzata nel settore orientale marcata quanto attesa. I russi hanno distrutto un ponte che collegava Lysychansk a Severodonetsk, la citt diventata il target principale e che ora accerchiata: rischia di essere la nuova Mariupol, avvertono fonti ufficiose. Il passo successivo sar puntare su Kramatorsk, in mezzo per ci sono ancora molte prove da superare.

Da settimane l’intelligence aveva previsto un’offensiva consistente, lo segnalavano i concentramenti e le qualit dei reparti nonostante i report su Battaglioni con effettivi malandati. Alla fine le unit di Mosca hanno preso terreno — pochi chilometri al giorno — grazie a una serie di fattori. Innanzitutto l’artiglieria devastante: a volte gli esperti sottolineano che non sia abbastanza…