La quarta dose di vaccino Covid può essere utile? Come e quando va somministrata?- Corriere.it

di Adriana Bazzi

Paesi come Israele e Cile hanno cominciato a iniettarla. Ma ci sono ancora dubbi sull’opportunit (e fattibilit), come spiega l’immunologo Clerici

Quarta dose di vaccino anti-Sars-Cov2: s o no? Perch s e perch no? E perch i preparati, fabbricati per combattere questo virus, si comportano diversamente, rispetto alle decine dei loro cugini-vaccini, che da decenni combattono, con successo, gravi malattie infettive, e perdono rapidamente la loro efficacia?

Giriamo queste domande a Mario Clerici, immunologo, professore all’Universit di Milano e alla Fondazione Don Gnocchi.

Professore, alcuni Paesi, come Israele e Cile, stanno proponendo la quarta dose, soprattutto ai pazienti fragili. utile?
La quarta dose non ha molto senso, al momento. Le tre dosi sono sufficienti per contrastare la malattia grave. E anche nei casi di infezione da variante Omicron nei tri-vaccinati, la carica virale (cio la presenza del virus nella persona infetta, ndr) molto ridotta, come pure la capacit di trasmettere la malattia (
qui il caso dell’Ungheria che disubbidisce all’Ema)
.

A parte l’utilit in termini di prevenzione, ci sarebbero anche problemi organizzativi nel distribuire la quarta dose?
Certo, come ha fatto notare sia l’Oms, l’Organizzazione Mondiale…