La protesta della Nazionale dell’Iran contro il regime, oggi- Corriere.it

di Arianna Ravelli, inviata a Doha

Cosa faranno i calciatori dell’Iran? Canteranno l’inno? Festeggeranno un gol se mai dovessero segnarne uno contro l’Inghilterra? In molti in patria li contestano perch non hanno boicottato

Non ancora chiaro cosa faranno, chiarissimo cosa vorrebbero fare. Usare il Mondiale per mandare un segnale alla propria gente, anche a quelli che li considerano traditori del popolo perch non hanno boicottato, non si sono rifiutati di vestire la maglia di una nazione che uccide i propri giovani per strada.

I giocatori dell’Iran sono qui, probabilmente con il cuore gonfio (Condoglianze a tutte le famiglie delle vittime, ha iniziato il capitano Ehsan Hajisafi) dopo che in molti in patria e fuori avrebbero voluto impedirlo (le richieste di esclusione miravano non solo sulla violenta repressione alle proteste di piazza, ma anche sull’appoggio a Putin), ma pronti oggi ad affrontare la lanciatissima Inghilterra di Southgate, Harry Kane, del fenomeno 19enne Bellingham e di tutti i talenti che sono arrivati in finale agli Europei.

Nella conferenza stampa della vigilia Hajisafi non si nascosto: Dobbiamo accettare che le condizioni nel nostro Paese non sono giuste e la nostra gente non…