La previsione Rockefeller che la dice lunga sulla pandemia ▷ “Ribellione dopo 13 anni”

Che effetto vi farebbe sapere che tre mesi prima dello scoppio della pandemia qualcuno avesse “ipotizzato” tutto? E sapere che i registi della simulazione fossero il Johns Hopkins Center for Health Security, il World Economic Forum e la Bill & Melinda Gates Foundation?

Effettivamente il 18 ottobre 2019, New York ha ospitato L’Evento 201: una simulazione di un’epidemia di un nuovo coronavirus trasmesso dai pipistrelli ai maiali e che, infine, diventa efficientemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia.

L’agente patogeno e la malattia che provoca sono modellati in gran parte sulla SARS e la simulazione è servita per dimostrare come, per prevenire le conseguenze di una pandemia e per rispondervi man mano che si manifestano, sia richiesta una collaborazione senza precedenti tra governi, organizzazioni internazionali e settore privato. L’esercitazione ha illustrato le aree in cui i partenariati pubblico/privato sarebbero stati necessari durante la risposta, al fine di ridurre le conseguenze economiche e sociali su larga scala.

L’Evento 201 non è stata l’unica simulazione con tema pandemia: nel 2010 compare anche nel report della Rockefeller Foundation chiamato “Scenarios for the Future of Technology and International…