La parole di Macaluso, a un anno dalla morte. Appunti da un’intervista 

Il 19 gennaio 2021 se ne andava Emanuele Macaluso. Frammenti di una puntata di Tg2 Dossier nel quale parla di Sciascia, suo fraterno amico, della storia d’Italia e inevitabilmente anche di sé. “Leonardo, nei metodi del Csm, vedeva i limiti e le storture della giustizia”

Gli “appunti” che seguono sono relativi a una lunga intervista, solo in parte poi trasmessa in una puntata di “Tg2 Dossier” dedicata a Leonardo Sciascia. Credo sia l’ultima intervista televisiva che rilascia da Emanuele Macaluso. Parla del suo fraterno amico, ma anche di giustizia, di come viene amministrata; e inevitabilmente anche di sé: con grande lucidità e capacità di vedere e comprendere le cose dell’oggi e del domani. 


     

  

“Ho conosciuto Leonardo Sciascia nel 1941, pieno fascismo. Ero un po’ più giovane di lui, e avevo già aderito alla cellula comunista di Caltanissetta. Leonardo studiava all’istituto magistrale, era molto amico di un altro ragazzo che però studiava al liceo: si chiamava Gino Cortese. Leonardo con lui ha avuto un rapporto che è proseguito nel tempo. Gino lo introduce non solo all’antifascismo militante, ma nell’ambiente comunista, anche se Leonardo non si è mai iscritto al PCI…

 …