La missione segreta di Draghi a Davos: tre giorni e una conferenza per Barclays

Sarà stato il richiamo della montagna incantata ad attirare Mario Draghi a Davos, in Svizzera, fulcro dell’economia mondiale. Il governo italiano non c’era, l’ex premier sì. In incognito e in  segreto. Tre giorni. Da lunedì a mercoledì scorsi. La presenza al World economic forum dell’ex banchiere centrale, considerato di casa, non doveva essere pubblicizzata. Ha avuto incontri privati, è la versione diffusa dal suo entourage davanti alle verifiche di questo giornale. Draghi ha tenuto  conferenze a porte chiuse. Una, confermata al Foglio, per il colosso bancario britannico  Barclays  (si parla anche di un dialogo a Bank of America, ma non ci sono conferme).  Speech di  valore che, per chi lo conosce, segnalano la sua voglia di allacciare rapporti con il mondo del business, lontano anni luce dalla politica. “Tornerò a lavorare con il privato”, ha confessato in questi giorni. 

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti…