la menzogna con cui vogliono farla fuori – Libero Quotidiano

Carlo Nicolato

Enrico Letta è andato in Germania a farsi benedire dal cancelliere Olaf Scholz in quota ai socialdemocratici che per decenni sono stati la testa di ponte degli interessi economici russi in Europa. Ricordate Schroeder, il migliore amico di Putin? Perfino adesso il cancelliere, che dichiara guerra ai “postfascisti” italiani («La Meloni non deve vincere», è pericolosa per la democrazia), non solo si rifiuta di dare agli ucraini quei carri armati che potrebbero dare una svolta decisiva alla guerra, quella vera, ma si oppone anche al tetto del prezzo del gas temendo drastiche ritorsioni da parte di Mosca alla quale la Germania ha affidato gran parte delle sue risorse energetiche. Chi ci rimette è il resto d’Europa, a iniziare dall’Italia che è proprio il Paese che per primo ha avanzato la proposta del tetto.

 

 

 

VECCHIE STORTURE

Fosse però la prima volta che Berlino fa pesare le sue decisioni a scapito degli altri potremmo quasi lasciargliela passare, ma così purtroppo non è. Anzi si può infatti dire che l’Europa stessa è stata plasmata a immagine e somiglianza della Germania e che tutte, o quasi, le storture che la caratterizzano…