«La manovra si può migliorare. Non ci convincono molte cose, ma scioperare ora è un errore»- Corriere.it

L’appello del segretario della Cisl:«Evitiamo di trasferire tensioni nei luoghi di lavoro». E poi: «Bene il sostegno contro caro energia e inflazione. Più risorse per sanità e scuola»

Com’è andato l’incontro con la premier Giorgia Meloni?

«È stato un incontro positivo — risponde il segretario della Cisl, Luigi Sbarra —. Abbiamo ribadito la nostra valutazione sulla manovra e chiesto di migliorarla».

Come giudicate la manovra?

«Il nostro è un giudizio articolato. Apprezziamo che i due terzi della manovra siano rivolti a dare continuità e a consolidare i sostegni a lavoratori, pensionati, famiglie e imprese colpiti dal caro energia e dall’inflazione. Positive anche alcune misure che recepiscono nostre proposte. Per esempio, l’innalzamento a 15mila euro dell’Isee per allargare la platea di famiglie che beneficiano del bonus sociale sulle bollette. Giudichiamo importante il taglio del cuneo, anche se lo sconto di tre punti va esteso alle retribuzioni fino a 35mila euro (ora è fino a 20mila, ndr). Bene l’esonero contributivo per stabilizzazioni e assunzioni di giovani e donne fino a 36 anni, ma bisognerebbe alzare il tetto della decontribuzione oltre 6mila euro. E anche aver rafforzato l’assegno per il potenziamento del congedo parentale, misura…