LA FANTASTICA SIGNORA MAISEL/ La serie tra risate e riflessioni a caccia di Emmy

Si avvicina la notte degli Oscar Tv, gli Emmy Awards 2020, e in noi scattano le classiche sindromi da “notte prima degli esami”, nel senso dei vuoti di memoria e della frenesia per il “ripasso”. Scorrere la lista dei candidati è un po’ come scorrere l’indice di un’antologia. In gran parte scopriamo di avere gusti molto simili ai giurati, in altri riconosciamo qualche errore di sottovalutazione, in altri casi ancora, dobbiamo ammettere lacune di una certa importanza. 

Certo, potremmo dire di essere avanti con il programma, perché molte delle serie tv di cui abbiamo già parlato sono così recenti che potranno concorrere per un titolo solo il prossimo anno. Ma l’occhio alla fine cade quasi sempre sulle serie più belle, quelle che non si sa per quale motivo abbiamo tralasciato, e che sinceramente meritano – complice il mese di agosto – una seconda visione, casomai tutta di un fiato.

È il caso de La fantastica signora Maisel (Amazon Prime), che ha collezionato ben 10 candidature. La serie tv giunta alla terza stagione ha alle spalle numerosi riconoscimenti, tra cui un Emmy 2018 per la protagonista Rachel Brosnahan, l’interprete straordinaria della signora Miriam “Midge” Maisel.

Midge è una ragazza ebrea di buona famiglia, con…