la crisi economica per il Covid è più profonda di quanto ci si aspettasse…

 

Dopo i nuovi catastrofici dati sul credito di venerdì, che hanno registrato il minor numero di nuovi prestiti in mezzo decennio, e dopo il rapporto di questa mattina secondo cui le autorità cinesi hanno consentito un ulteriore taglio dei tassi di interesse sui mutui ipotecari per i nuovi acquirenti di case in un’altra spinta per sostenere il mercato immobiliare e far rivivere un motore debole della seconda economia più grande del mondo, pochi si aspettavano sorprese al rialzo dal dump di dati economici di lunedì fuori dalla Cina, ma ancora meno si aspettavano qualcosa di così negativo come quello appena riportato da Pechino.

Con l’Europa, il Regno Unito e gli Stati Uniti sull’orlo della recessione, la Cina ha coraggiosamente fatto il passo per arrivare prima di tutti, con Pechino che ha riferito che l’economia cinese si è contratta bruscamente ad aprile, poiché le epidemie di Covid e i blocchi hanno trascinato al ribasso i settori industriale e dei consumatori ai livelli più deboli dall’inizio del 2020 poiché milioni di residenti sono stati confinati nelle loro case e le fabbriche sono state costrette a interrompere la produzione, mentre il tasso di disoccupazione locale è salito al…