La crescita degli occupati e quei 26 mila in coda a Napoli- Corriere.it

Le statistiche ci confortano sulla diminuzione della disoccupazione. I numeri del secondo trimestre parlano chiaro. Abbiamo 677 mila lavoratori in pi rispetto allo stesso periodo del 2021. Eppure quelle 26 mila persone che si sono messe in coda a Napoli per i 500 posti da netturbini ci raccontano un’altra Italia. Un’Italia che non stata affatto intercettata dalla campagna elettorale. Un Paese che non ha paura di mettersi in gioco: oltre mille di quei 26 mila a Napoli avevano una laurea e qualche migliaio pi di 50 anni. l’Italia della precariet. Una parola che, quando viene declinata nel nostro Paese, spesso si trasforma in nuove farraginose regole o misure per chi un lavoro gi ce l’ha.
Raramente ci si domanda il perch ci sia questa corsa a un posto fisso, possibilmente nel settore pubblico. Di base c’ la necessit di un’occupazione. Ma anche il bisogno di avere orizzonti certi. Che quello che il nostro Paese non riesce a dare ai giovani e ai meno giovani. E non si tratta solo di risorse. Secondo una ricerca abbiamo immesso nel sistema economico sotto forma di vari provvedimenti assistenziali (bonus compresi) qualcosa come 180 miliardi. Nel 2008 ne spendevamo meno della met e i poveri erano 2,1 milioni, adesso sono oltre 5 milioni. Ma, come sappiamo, in molti…