La convergenza trasversale al Senato sul bonus psicologo

In pandemia è cresciuto il disagio mentale. Cinquanta milioni di euro per permettere a chi ne ha bisogno di accedere alle cure. Sei senatrici appartenenti a tutti i gruppi presentano un emendamento alla Manovra. E spiegano al Foglio la misura

Cinquanta milioni di euro per permettere a tutti coloro che ne hanno bisogno di accedere alla cura dei disagi psicologici, pericolosamente aumentati con la pandemia. Il bonus psicologo è contenuto all’interno di un emendamento alla legge di Bilancio depositato al Senato da tutti i gruppi politici e che mira all’istituzione di un fondo salute mentale da inserire nel bilancio del ministero della Salute per il 2022. Questo pomeriggio nella sala Nassirya di palazzo Madama lo hanno presentato sei senatrici, di tutti i partiti: la grillina Elisa Pirro, promotrice dell’iniziativa, la presidente della commissione Salute del Senato, Anna Maria Parente di Italia Viva, la dem Paola Boldrini, la senatrice di Leu Loredana De Petris, la leghista Raffaella Marin e Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia.

 

A livello internazionale i numeri della crescita del disagio mentale durante la pandemia sono impietosi. Uno studio di Lancet parla di 53 milioni di casi in più di depressione maggiore (+28 per cento) e…