La Cina sta cambiando la sua politica estera? «A Pechino si sono convinti che Putin è pazzo»- Corriere.it

possibile un riavvicinamento a sorpresa tra la Cina e l’Occidente? Dopo la videoconferenza tra Xi Jinping e Putin, al termine del 2022, sembrerebbe impossibile: ma il leader di Pechino ha di recente fatto diverse mosse interessanti. L’Ft: Il governo cinese si convinto che la Russia uscir dal conflitto come una potenza minore

possibile un riavvicinamento a sorpresa tra la Cina marxista-leninista di Xi Jinping e l’Occidente?

Non sembrerebbe, a giudicare dalla videoconferenza di fine anno del leader cinese con Vladimir Putin, nella quale ha detto di essere pronto ad alzare il livello della collaborazione strategica con la Russia. Ma poi Xi ha fatto diverse mosse interessanti che lasciano pensare a un tentativo di recuperare una relazione utile da un punto di vista politico (oltre che commerciale) con Stati Uniti ed Europa.

Anzitutto, ha promosso a ministro degli Esteri l’ambasciatore Qin Gang, 56 anni, chiamandolo dalla sede diplomatica di Washington. Qin in questi anni tesi e drammatici ha cercato di mantenere aperto il dialogo con gli americani, anche con gesti simbolici: il 28 dicembre, prima di partire per assumere il nuovo incarico di ministro, sua eccellenza andato a vedere una partita di basket Nba degli Washington Wizards e si esibito in alcuni tiri a canestro…