La Cina ha rinchiuso negli ospedali psichiatrici decine di dissidenti politici

“Nel 2022 il Partito comunista cinese imprigiona ancora regolarmente oppositori politici negli ospedali psichiatrici nonostante più di un decennio fa abbia applicato modifiche legislative per frenare questa pratica barbara”. È la denuncia dell’Ong Safeguard Defenders, che nel suo ultimo rapporto documenta i ricoveri forzati per chi critica il Partito in strutture psichiatriche senza nessuna giustificazione medica.