La cestista Griner, il marine e le ex spie: i prigionieri su cui trattano Usa e Russia

La Guerra Fredda non è mai finita, almeno per gli americani detenuti in Russia, e i russi in America. Come un vero e proprio strumento di ricatto, vengono continuamente arrestati allo scopo di avere pedine di scambio da usare in casi tipo quello di Brittney Griner, o peggio. Senza considerare poi le vicende di spie professioniste alla Edward Snowden, che non si capisce più bene se sia un ostaggio di Putin, o un traditore che ha voltato le spalle al proprio Paese.