La Caritas può aiutare Meloni a riformare il Reddito di cittadinanza

Per realizzare una buona riforma che aiuti i poveri e premi il lavoro il governo ha il tempo, ma poche idee. Può trovare un alleato nelle proposte dell’associazione cattolica, ma deve superare qualche tabù ed evitare gli errori di Conte

Sul Reddito di cittadinanza Giorgia Meloni è sul fronte opposto a quello di Giuseppe Conte, ma in una situazione analoga a quella del M5s quando arrivò al governo. Nel 2018, sull’onda del successo elettorale, ai grillini non bastava aumentare la dotazione del Reddito d’inclusione (Rei), serviva un nuovo sturmento a marchio M5s per cambiare il nome a quello del Pd. Oggi, dopo la vittoria alle elezioni su una linea anti assistenzialista, Meloni ha l’esigenza speculare di “abolire” il Rdc per cambiare il nome alle misura del M5s. Il dibattito politico è, per forza di cose, dopato da questo bisogno propagandistico-comunicativo dei due fronti: abolire o no il Rdc.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci,…