Juve, c’è il canovaccio, manca il copione ▷ La Bacchettata del Prof. Marcacci

La Commedia dell’arte, nel XVI e XVII secolo, era una rappresentazione teatrale che non prevedeva ancora un copione rigidamente scandito da battute scritte per ogni interprete: c’era soltanto il “canovaccio”, sorta di trama semplicemente abbozzata e, di serata in serata, affidata agli umori e all’istrionismo degli interpreti. 

La Juventus vista ieri sera contro il Napoli, che ha raggiunto il pareggio grazie al gol di Chiesa, dà esattamente questa impressione: interpreti di qualità media anche elevata (spesso non eccelsa) che spostano a tratti gli equilibri della partita grazie alle iniziative personali, ma mai la sensazione di una coralità con automatismi consolidati a livello di manovra.

Non da ieri, certo; forse però ieri si è notato più che in altre occasioni perché di fronte c’era un Napoli rimaneggiato, messo assieme in extremis ma, pur senza Luciano Spalletti in panchina, con una identità riconoscibile, a prescindere dagli interpreti; con una fluidità di gioco e una varietà di soluzioni che per ampi tratti hanno dato la sensazione di una superiorità degli azzurri a livello di collettivo.

Delle due, è stato il Napoli ad avere esibito un copione. Poi, la squadra di Allegri avrebbe potuto addirittura vincerla, in base a qualche episodio, ma il…