ispezioni Antitrust per Eni, Esso, Ip, Q8 e Tamoil- Corriere.it

Dopo le denunce delle associazioni dei consumatori con l’esposto del Codacons e le polemiche sul caro-prezzi che hanno portato il governo a emanare un decreto che prevede multe fino a 6 mila euro per i benzinai non in regola, ora scende in campo anche l’Antitrust.L’Autorit garante della concorrenza e del mercato ha avviato istruttorie con ispezioni nei confronti di Eni, Esso, IP, Kuwait Petroleum Italia (Q8) e Tamoil. Loannuncia l’Autorit spiegando di aver riscontrato irregolarit per l’applicazione alla pompa di un prezzo diverso da quello pubblicizzato, nonch per l’omessa comunicazione dei prezzi dei carburanti al portale Osservaprezzi carburanti. Dai controlli emersa un’omessa diligenza da parte delle compagnie nei controlli sui distributori. Eni, Esso, IP, Kuwait Petroleum Italia e Tamoil non avrebbero adottato misure o iniziative idonee a prevenire e a contrastare queste condotte illecite a danno dei consumatori.

La Guardia di Finanza

Oggi – si legge nella nota dell’Antitrust – l’Autorit Garante della concorrenza e del mercato, con l’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza, ha svolto ispezioni nelle sedi delle societ Eni Spa, Esso Italiana Srl, Italiana Petroli Spa, Kuwait Petroleum Italia Spa e Tamoil Italia Spa. I…