Iran, otto anni di carcere all’uomo che ha decapitato la moglie 17enne (e rideva per strada)- Corriere.it

di Irene Soave

Il processo per l’omicidio di Mona Heidari, sposa bambina, a febbraio 2022, si chiuso ora con una pena detentiva. Ben diversamente, cio, dai processi-lampo che mandano i dissidenti alla forca

L’Iran che manda alla forca i suoi ragazzi, dissidenti, dopo processi da meno di un mese, usa con altri rei differenti riguardi. Passer otto anni in carcere Sajjad Heidarnava, un uomo che ad Ahvaz, nell’Iran sudoccidentale, ha decapitato sua moglie ed uscito per strada ridendo con la testa di lei in mano. La moglie, Mona Heidari, aveva 17 anni; si erano sposati che lei ne aveva 12, e avevano un figlio di 3.

Il caso ha sconvolto il Paese: il video emerso sui social ben dopo l’omicidio, avvenuto a febbraio 2022, e ha scatenato un’ondata di dolore e indignazione, oltre a una campagna delle principali organizzazioni per i diritti umani per l’aumento dell’et minima per contrarre matrimonio, fissata ora a 13 anni per le ragazze. Heidarnava ha agito insieme al cognato, cio al fratello di Mona; anche per il concorso di colpa, la condanna stata di appena sette anni e mezzo per omicidio, pi otto per aggressione. Senza appello: la famiglia della sposa bambina — e del complice dell’assassino, Heidar Heidarnava, fratello di lei — aveva perdonato…