Iran, la difesa di Raisi: “Inchiesta su Mahsa Amini”. Ma manda i suoi in piazza

“E’ un incidente su cui si sta indagando”, ma “nessuno tollererà disordini e vandalismo”. A New York per l’assemblea Onu, il presidente iraniano Ebrahim Raisi risponde così alle proteste per Mahsa Amini – la ragazza di 22 anni morta dopo essere stata arrestata dalla polizia perché vestiva in modo “contrario alla morale” – mentre nel venerdì di preghiera scende in piazza l’altro Iran, a “difesa della Repubblica islamica” e dei rigidi codici di abbigliamento che la sharia prescrive per le donne.