ipotesi omicidio-suicidio. «È stato il figlio a uccidere il padre»- Corriere.it

di Marco Gasperetti

La scoperta degli inquirenti a Pescia dopo i primi rilievi dell’incidente. La macchina del 26enne a tutta velocit contro quella del padre 67enne (a bordo della quale c’erano anche una donna e una bambina). I due sono morti

Sembrava un tragico incidente stradale, uno dei tanti che purtroppo accadono sulle strade. E invece dietro lo scontro che nella tarda serata di luned a Pescia, in provincia di Pistoia, costato la vita a un uomo di 67 anni e al ferimento di due persone, potrebbe nascondersi un omicidio-suicidio.

I problemi psichici

Secondo gli accertamenti, condotti dalla polizia stradale, i rilievi dei vigili del fuoco che hanno estratto i corpi dalle lamiere e di altre testimonianze, l’incidente sarebbe stato provocato volontariamente dal 26enne figlio della vittima. Il giovane, che pare soffrisse di gravi problemi psichici, avrebbe lanciato a tutta velocit la sua auto contro quella del padre sulla quale pare si trovassero anche una donna e una bambina. L’auto del figlio pare non abbia neppure abbozzato una frenata.

Gli accertamenti

Lo scontro frontale stato tremendo e per il 67enne e per il figlio non c’ stato niente da fare. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per pi di un’ora per liberare i corpi rimasti incastrati…