INVERSO/ La serie imperdibile per gli amanti di fantascienza e “futuro catastrofico”

La squadra che ha realizzato Westworld – la più importante serie dedicata alle conseguenze dei potenziali usi distorti delle nuove tecnologie uscita in questi anni – si è cimentata con la trasposizione in una serie tv di The Peripheral, il primo romanzo del ciclo “Jackpot” che William Gibson ha scritto nel 2014. In Italia – con il titolo Inverso – è arrivata grazie a Prime Video, che distribuisce ogni venerdì un episodio.

Siamo al quinto degli otto previsti e molte cose non sono ancora del tutto chiare e gran parte della nostra attenzione è concentrata a cercare un senso logico a quello che osserviamo. Compito difficile. Lo era già stato con Westworld. Ogni minima disattenzione ci obbligava a tornare indietro per vedere se casomai ci fossimo perso un pezzo importante, salvo poi accorgersi che era proprio così, l’incomprensibile era da considerare parte fondamentale del nostro racconto.

Anche in The Peripheral Gibson costruisce il suo racconto cyberpunk su una trasposizione temporale e sulla presenza dominante di robot, perfettamente somiglianti agli esseri umani. Le…