“Indizi di nuove particelle e nuove forze dell’Universo”

Annunciati da un team di scienziati – tra cui ricercatori italiani, statunitensi e inglesi importanti indizi dell’esistenza di nuove particelle e nuove forze dell’Universo che potrebbero aprire la strada ad una nuova fisica. Lo studio è stato presentato oggi al Fermi National Accelerator Laboratory (FermiLab) di Batavia, vicino Chicago, dal team di ricercatori che è complessivamente composto da 200 scienziati provenienti da 35 istituzioni di 7 diversi paesi. Si tratta di “una nuova e precisa misura” delle proprietà magnetiche del muone – particella elementare appartenente alla famiglia dei leptoni, molto simile all’elettrone ma con una massa circa 200 volte maggiore – che fornisce “nuova evidenza” a favore dell’esistenza di fenomeni fisici non descritti dal Modello Standard, la teoria di riferimento per la spiegazione dei processi subatomici. L’atteso risultato, ottenuto al temine della prima campagna di analisi dei dati acquisiti dall’esperimento Muon g-2, è stato annunciato oggi al Fermilab
– il centro statunitense per le ricerche in fisica delle particelle che ospita l’esperimento – nel corso della presentazione dei risultati dell’esperimento. La collaborazione internazionale responsabile di Muon g-2, di cui l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare…