In Veneto FdI lancia la Giornata del patriota. Lega furiosa: “Pensino al federalismo”

“Più che alla patria, i meloniani pensino a creare un paese federale”, incalza il consigliere regionale veneto. San Marco, Resistenza e Stati Uniti d’Italia: i pilastri della Liga mettono in imbarazzo la maggioranza

Quando cantava Up patriots to arms, a buttare giù Franco Battiato era la musica contemporanea. Per i leghisti veneti, oggi, è l’ordine del giorno in Consiglio regionale. Che invece di preoccuparsi per l’autonomia che non arriva – Engagez-vous! – si perde nelle ricorrenze. Ultima sul tavolo, la proposta di legge di Fratelli d’Italia per istituire la Giornata del patriota: ogni 15 giugno, con l’obiettivo di educare i giovani in sinergia con le forze di sicurezza e le associazioni d’arma. Con ottimismo un po’ naif, i meloniani si sono augurati “l’ampia condivisione di questa iniziativa pensata per arginare il disagio psicologico dei nostri ragazzi. E che non c’entra nulla col sabato fascista”, obiezione già mossa dalle forze di opposizione. I primi a opporsi sarebbero però gli alleati. “Patria”, filosofa Fabrizio Boron, storico consigliere in quota Carroccio. “Che cos’è, dopo tutto, la patria?”. Ce lo dica lei. “Ritengo sia la terra dei padri, il posto dove poggi il tuo sguardo sin dalla…