“In Ucraina…”, la verità censurata sulla guerra – Libero Quotidiano

Mirko Molteni

La ritirata delle truppe russe dal settore di Kharkiv, seconda città dell’Ucraina, ha fatto cantare al governo di Kiev una “mezza” vittoria, ma la guerra sarà ancora lunga. Lo stesso presidente ucraino Volodymir Zelensky, che ieri ha accolto nella capitale una delegazione di senatori americani repubblicani guidati da Mitch McConnell, ha dichiarato: «La graduale liberazione della regione di Kharkiv dimostra che non lasceremo niente e nessuno al nemico. Sono ben 1.015 gli insediamenti liberati finora nel Paese». Anche il sindaco di Kharkiv, Ihor Terekhov, sembra tranquillizzato dalle ultime notizie e osserva che è «da cinque giorni che la città non viene bombardata, salvo un tentativo russo di colpire la città con un missile diretto all’aeroporto, eliminato però dalla contraerea». La resistenza ucraina è certo stata coriacea e il New York Times ha ricordato come nel corso del conflitto si siano rivelate sbagliate le previsioni dell’intelligence americana, che, pur prevedendo l’attacco russo, temeva un subitaneo collasso di Kiev, tanto da consigliare Zelensky a riparare a Leopoli. Perciò, la direttrice delle varie agenzie d’informazione Usa, Avril Haines, starebbe…