In Israele la Corte Suprema boccia il ministro dell’Interno, alleato chiave di Netanyahu. La maggioranza attacca la sentenza

GERUSALEMME – Il leader del partito sefardita Shas, Aryeh Deri, attuale Ministro dell’Interno e della Sanità del governo guidato da Benjamin Netanyahu, non può servire come ministro. Lo ha stabilito la Corte Suprema israeliana in una sentenza già definita da molti esponenti della maggioranza come illegale, segno di una possibile grave crisi costituzionale. “Questa è una persona che ha già ricevuto tre condanne nel corso della sua vita, e ha violato il dovere di servire il pubblico lealmente e legalmente mentre si trovava in posizioni di alto livello”, ha spiegato la Presidente della Corte Suprema Esther Hayut.