in 10 anni il prezzo è salito di oltre il 50%, dove si risparmia (secondo Altroconsumo)- Corriere.it

Negli ultimi mesi si parlato spesso dell’aumento del prezzo del pane. Un incremento che viene motivato da un lato con la guerra tra Russia e Ucraina, che impatta soprattutto sul costo delle materie prime, e dall’altra lato con l’andamento inflattivo. Attenzione per: a guardare bene i dati emerge che il fenomeno cominciato molto tempo prima. In particolare – come dimostra un’analisi realizzata da Altroconsumo – dal 2017 a oggi il prezzo del pane lievitato di oltre il 30%. Negli ultimi dieci anni il rincaro stato addirittura superiore al 50%.

Panetterie e supermercati: il rincaro trasversale

Il trend riguarda in modo trasversale tutti i canali: dalle panetterie alla grande distribuzione. Nello specifico nelle prime il prezzo al chilo di panini e pagnotte a base di grano tenero passato, dal 2012 a oggi, da poco meno di 2 euro a 4,66 euro, con un aumento pari al 58%. Nello stesso lasso di tempo super, ipermercati e discount hanno innalzato il prezzo da 1,96 euro a 3,64 euro, registrando un incremento dell’86%.

… ma i supermercati restano pi convenienti

Nonostante il ritocco dei listini messo in atto dalla grande distribuzione negli ultimi 10 anni sia pi significativo rispetto a quello delle panetterie (+ 86% vs. + 58%),…