“Il termovalorizzatore non si tocca”. Parla Sabrina Alfonsi

Non penso che il cambio di governo possa avere alcuna ricaduta negativa sugli impianti finanziabili attraverso il Pnrr, lo stesso vale per quanto riguarda le attribuzioni del sindaco come commissario straordinario per il Giubileo”. Certo Sabrina Alfonsi, assessora dem ai Rifiuti della capitale, non è contenta. Il Pd ha perso le elezioni e Giorgia Meloni si appresta a sedersi a palazzo Chigi, ma lei è comunque convinta di una cosa: il nuovo governo non toccherà la norma approvata dallo scorso Parlamento che attribuisce al sindaco poteri straordinari sulla gestione dei rifiuti, per capirci, i poteri necessari per costruire il nuovo termovalorizzatore. “Le scelte che abbiamo compiuto per portare Roma fuori dall’eterna emergenza – dice – sono chiarissime, si muovono all’interno della normativa comunitaria e nazionale sui rifiuti, non mi sembra ci siano margini per eventuali ripensamenti. Si tratta di un tema che è già stato ampiamente strumentalizzato, spero che nessuno abbia intenzione di continuare per alimentare le proprie battaglie politiche”. Non è solo il governo a spaventare. Il termovalorizzatore, sparo di Sarajevo all’origine della caduta del governo Draghi, è anche l’ostacolo a una futura alleanza elettorale con il M5s in vista…