«Il reddito di cittadinanza? Necessaria una riforma. Sul cuneo fiscale solo un primo passo»- Corriere.it

di Isidoro Trovato

La ministra: «Il percorso per le partite Iva non si limita alla flat tax. Con il primo incontro del tavolo dedicato agli autonomi, abbiamo iniziato un confronto a tutto tondo, dal welfare alle pensioni, dalla formazione al tema della sussidiarietà»

I temi del lavoro rappresentano un banco di prova tra i più importanti per il governo Meloni. C’è molta attesa anche per l’operato della nuova ministra del Lavoro, Marina Calderone. I quasi vent’anni da presidente nazionale dei consulenti del lavoro, la presidenza del Cup (organismo di rappresentanza delle professioni ordinistiche) hanno alzato l’asticella delle aspettative anche perché da anni Calderone si esprime sulle inefficienze che colpiscono il nostro sistema occupazionale e sulle possibili soluzioni.

Ministra Calderone, l’annunciata abolizione del reddito di cittadinanza dal 2024 e la limitazione già a partire dal 2023 ha subito scatenato molte polemiche. Quali prospettive si aprono per il milione di famiglie italiane che percepiscono il reddito?

«Andremo per gradi. Il governo non ha intenzione di dimenticare chi ha necessità di un sostegno economico. Lo ha detto anche il presidente del Consiglio presentando la manovra. La scelta di una soluzione ponte sul 2023 va in questa…