Il processo a Ciro Grillo, in aula due imputati. La ragazza: «Ero ubriaca»- Corriere.it

di Virginia Piccolillo

Agli atti le nuove chat della vittima: «Ho fatto un casino». I vicini a Porto Cervo «Erano tutti a chiacchierare, a bere. Non abbiamo sentito nulla di anomalo»

Dalla nostra inviata

TEMPIO PAUSANIA (SASSARI) «Ho fatto una ca… Poi ti racconterò. Ero ubriachissima». Al processo a Grillo jr e ai suoi tre amici denunciati per violenza sessuale di gruppo (da loro sempre smentita) a una studentessa, conosciuta in discoteca, assieme a un’amica, con la quale avevano concluso la serata nel residence del fondatore del Movimento, sono state acquisite nuove chat.

Sono quelle di S., la ragazza che ha messo a verbale le accuse, inviate al maestro di kitesurf per confidarsi e avere da lui un sostegno. Messaggi che raccontano molto di quella serata iniziata il 16 al Billionaire, dove S. era arrivata in taxi in compagnia di R. E proseguita in casa Grillo dove, tra le 5 e le 9 del mattino, sarebbero stati compiuti gli «atti di violenza» su S.. «Consenziente», secondo i ragazzi che si sono immortalati con S. durante scene hard e con R. esibendo parti intime accanto al viso di lei che dormiva: altra accusa di violenza sessuale. Ieri due dei ragazzi, Edoardo Capitta e Vittorio Lauri, per la prima volta sono comparsi in aula. «Per metterci la faccia»,…