“Il Pd voti Mattarella: non lasciamolo al M5s”. Orfini e il Quirinale rossogiallo

L’esponente dem: “EÈ la soluzione migliore davanti all’emergenza per garantire stabilità”. Ma Letta lo stoppa: il 13 in direzione si parlerà di schema, ma non di nomi. Cresce il fronte per il capo dello stato

“Non possiamo lasciare Mattarella al M5s, diciamo”. Matteo Orfini, ex presidente del Pd e capo della corrente dei Giovani turchi, annuncia che il 13 gennaio alla direzione del partito proporrà la ricandidatura del capo dello stato. “O meglio – spiega al Foglio – vogliamo eleggerlo e non chiedergli di restare come fu per Giorgio Napolitano,  che è diverso”. La mossa di Orfini arriva dopo la presa di posizione dei senatori grillini che, dopo aver spiazzato Giuseppe Conte due giorni fa in assemblea, tornano a ribadire al leader il seguente messaggio: “Ascoltaci: noi facciamo sul serio”. 

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri…