Il Pd si abbandona alla sua vera passione: il congresso

Il Partito democratico è in preda all’autoflagellazione: tra chi lo vuole ribattezzare, chi fare una costituente, chi unirsi ai 5 stelle e nessuno che pensi di poter fare opposizione

Gli italiani annaspano tra le bollette, la destra sta per formare il governo più forte della Seconda Repubblica, ma loro si sciolgono sullo scioglimento. E mica dicono come vogliono fare opposizione (per Letta era “la più forte di sempre”), non propongono certo metodi per abbassare il prezzo dell’energia elettrica: “C’abbiamo  ben altro da fare”, lasciano intendere. E che cosa? Ma il pre-congresso del Pd, ovviamente! Vuoi mettere la questione del price cap o la vittoria di Meloni con il fronte del sì Conte, il fronte del no Conte, la corrente del forse Conte, l’ala del magari, lo zoccolo del tuttavia e la pattuglia del chissà? È iniziata la vera festa di popolo della sinistra, l’unica cosa che li rende davvero felici. E vogliono essere lasciati in pace, giustamente.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le…