il massacro in aeroporto – Libero Quotidiano

Una colazione da McDonald’s sarebbe costata ben 1800 euro al passeggero di un aereo. Si trattava di un turista che stava rientrando in Australia dopo essere stato a Bali. Dopo essere sceso dal velivolo, l’uomo è stato avvicinato da un cane della sicurezza che ha sentito l’odore di McMuffins. Il viaggiatore, infatti, aveva messo la colazione all’interno del suo zaino. Alla fine, però, proprio per quello ha ricevuto una mega multa. Il motivo? Il cibo non era dichiarato e così il passeggero è stato costretto a pagare il doppio del costo del biglietto aereo.

 

 

 

Si tratta di una politica australiana, che vieta l’ingresso di cibo nel paese: una norma in particolare impone delle sanzioni a chi introduce carne e latticini non dichiarati. Il ministro dell’agricoltura, della pesca e delle foreste Murray Watt ha dichiarato a 7News: “Due McMuffin di uova e salsiccia di manzo da McDonald’s a Bali e un croissant al prosciutto erano le voci di menu incriminate che hanno attirato l’attenzione del cane da fiuto per la biosicurezza Zinta”.

 

 

Giovani smoke free: in Nuova Zelanda via libera alla legge antifumo. Come funziona (ma potrebbe fare fiasco)

Video su questo argomento

 

Il ministro, poi, ha continuato: “Questo sarà il pasto Mc più…