il Governo firma l’accordo con le parti sociali

L’accordo siglato fissa le linee guida e i requisiti minimi per somministrare i vaccini nei luoghi di lavoro. Fra i princìpi chiave: adesione volontaria e costi su base nazionale

Il Governo ha raggiunto un accordo con le parti sociali per la somministrazione dei vaccini sui luoghi di lavoro. L’accordo prevede l’aggiornamento del protocollo di sicurezza Covid e sulla realizzazione di punti vaccinali sui luoghi di lavoro. Al tavolo, con le parti sociali, c’erano il Ministero della Salute, il Ministero del Lavoro e il Ministero dello Sviluppo Economico.

Potrebbe interessarti:

Punti chiave: adesione volontaria dei lavoratori e prezzi

Il documento fissa alcuni punti che fungono da cornice nazionale, onde evitare che le Regioni possano muoversi in ordine sparso. Sono essenzialmente due: l’adesione su base volontaria dei lavoratori e i costi. Nelle aziende che sono provvistedi medici competenti, questi dovranno illustrare ai lavoratori i pro e i contro della vaccinazione,dovranno aquisire il consenso informato, effettuare un triage preventivo e registrare le adesioni. E infine, i vaccini saranno somministrati da personale sanitario specializzato. Il Ministro del Lavoro Orlando era tra i maggiori sponsor di questo…