il gol manca da 441 minuti- Corriere.it

di Massimiliano Nerozzi

Le prestazioni dell’attaccante serbo sono all’attenzione dello staff di Allegri: anticipa troppo i tagli, finisce in fuorigioco e si innervosisce

Da contabile dei gol, perch questo fanno (soprattutto) gli attaccanti, Dusan Vlahovic non emette fattura da 441 minuti, tra i libri mastri di campionato e Champions, trasformando in numeri la crisi della Juve. Lui che tipo molto esigente, a partire da s stesso, s’ incupito, finendo per innervosirsi alle prime difficolt. Di cui, in questa squadra, ce n’ un campionario. Ogni giocata s’ fatta sbuffo, ogni partita un romanzo da Scott Fitzgerald, dove nella notte buia dell’anima sono sempre le tre del mattino: Vlahovic si danna e s’incavola, volendo dare una mano — e un gol — alla squadra che l’ha voluto e pagato (tanto) a gennaio, proprio per risolvere i grattacapi, l davanti.

Ma come spesso capita, da matematico il guaio s’ fatto psicologico, perch la ricerca della rete rischia di farsi ossessiva e, alla lunga, nociva. Lo staff tecnico ha gi annotato qualcosa: a volte l’attaccante serbo anticipa troppo i tagli, finendo in fuorigioco e poi s’innervosisce, buttandola sempre sull’autoscontro fisico, che un salvagente ai difensori. Frustrato, finisce per tentare tiri da…