il futuro è nei mini impianti al servizio dell’industria

Ormai in certi settori energivori si investe prima nella sicurezza energetica, quindi nella produzione. L’azienda chimica Dow ha firmato una lettera di intenti con X-Energy per lo sviluppo di una tecnologia nucleare modulare di piccole dimensioni in grado di fornire calore ed energia a uno degli impianti Dow della Costa del Golfo degli Stati Uniti entro il 2030.

Secondo Dow, il nucleare modulare di piccole dimensioni è una tecnologia chiave per consentire alle industrie ad alta intensità energetica di decarbonizzarsi. Inoltre fornirà la sicurezza della fornitura energetica a lungo termine indipendentemente dalla disponibilità o meno di gas naturale o fonti rinnovabili.

Con questa mossa, Dow è il primo produttore ad annunciare formalmente l’intenzione di sviluppare opzioni di tecnologia nucleare modulare di piccole dimensioni.

Sebbene Dow ne parli da tempo, il passaggio al nucleare è considerato una mossa coraggiosa non solo per l’azienda, ma per un produttore in generale. Il nucleare è l’unica forma di elettricità senza emissioni di base. A seconda del successo di Dow in questo progetto, altri produttori potrebbero  seguirne la strada che si rivela, in un certo senso, obbligata.

“La…