Il centrodestra: tre partiti, tre modi di declinare la flat tax

La proposta di Fratelli d’Italia è quella più cauta, con una tassa piatta “incrementale”. Le Lega ne ha fatto la propria bandiera, ma la sua realizzazione oltre ad aver un costo di circa 30 miliardi, rischia di complicare il fisco anziché semplificarlo. E Berlusconi vorrebbe spedere ancora di più, facendo altro debito

Come a ogni campagna elettorale da trent’anni a questa parte il centrodestra torna a proporre una flat tax per “rivoluzionare” il nostro sistema fiscale. Questa volta le proposte dei tre partiti si differenziano, ma la sostanza rimane la stessa: si tratta di misure costose, che andrebbero a beneficiare chi in Italia guadagna di più e che rischiano di violare i principi costituzionali di equità fiscale orizzontale.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE