Il Cav. e le reti del Cav. (dove non pareva neanche in corsa)

C’è il Quirinale, e c’è il ricasco mediatico attorno al medesimo Colle. E dunque ieri, di buon mattino, aprendo il Corriere della Sera, si poteva leggere a pagina 7 l’inserzione dei “Forza seniores” (un salto di qualità, visto che l’inserzione era apparsa anche sul Giornale qualche giorno fa), esponenti over 65 di Forza Italia, intitolata “chi è Silvio Berlusconi”: “Una persona buona e generosa”, si leggeva, “il padre di cinque figli e nonno di quindici nipoti, un amico di tutti, nemico di nessuno, tra i primi contribuenti italiani…un self-made man…Soprattutto, l’eroe della libertà che, con grande sprezzo del pericolo, è sceso in campo nel ’94 per evitare a tutti noi un regime autoritario e illiberale. E quindi chi come lui?”. 

 

Ma se l’inserzione lanciava nell’agone un “se non ora quando” per il Cav., dalle reti Mediaset, televisioni del Cav., peraltro in questi giorni allietate dal trentesimo compleanno del TG5, non è giunto, in verità, alcun segnale di una chiamata d’armi per sostenere l’ex premier né alcuna rivoluzione di palinsesto per sostenere la causa di un Berlusconi in corsa. Macché, dice un dirigente: “La priorità intanto, anche a Mediaset, è la campagna vaccinale”. Come dire: no vax in studio anche no,…