I sopravvissuti della frana di Ischia: «Maria non riesce più a parlare, non sa dov’è il figlio». Lisa: «Eravamo in trappola»- Corriere.it

di Mirella Armiero e Elena Scarici

L’illustratrice: «Non riuscivamo a scappare, ci siamo salvati salendo al terzo piano». Il sacerdote: «Mi hanno chiesto conferma sull’identità di una vittima, ma il suo viso era irriconoscibile»

Ha visto la frana travolgere i suoi cari: è il caso di Maria (nome di fantasia perché i medici e gli infermieri vogliono tutelarla), ricoverata in ospedale in stato di choc. La donna, poco più che sessantenne, abita su una collinetta proprio di fronte all’area più colpita di Casamicciola. Quando è stata svegliata dai rumori si è affacciata alla finestra e ha visto la casa dove suo figlio abita con la sua famiglia, completamente distrutta. Lo racconta Pasquale Arcamone, psichiatra e responsabile del centro di salute mentale, che ha subito chiamato a raccolta i suoi colleghi per sostenere psicologicamente gli sfollati. «La signora piange e si dispera, non riusciamo ancora a capire bene la situazione perché è agitata. I suoi familiari potrebbero effettivamente essere tra i dispersi. Aspettiamo notizie». Come tutta l’isola, con il fiato sospeso.

Le testimonianze

Paura per Lisa Mocciaro, che ieri ha compiuto 32 anni: disegnatrice (ha pubblicato un libro in cui illustra le bellezze dell’isola) è tra gli scampati…