I dati, la gestione del virus, il futuro. Parla il sottosegretario alla Salute Sileri

Il Cts invita a mantenere il bollettino quotidiano. “Il punto centrale non è la periodicità dei dati, ma la loro qualità e la corretta comunicazione”, dice Sileri. Il passaggio a una gestione “endemica” della pandemia, il green pass e i vaccini, che servono a ridurre “il rischio di sviluppare malattia grave e quindi ospedalizzazioni e decessi”

Convivere con il virus, adeguare gli strumenti della lotta o continuare a trattarlo con quelli di oggi? In questi giorni si è discusso molto dei dati, tanto che alcune Regioni hanno chiesto al governo di far diventare settimanale il bollettino quotidiano. E da più parti, sui territori, si vorrebbe alleggerire l’isolamento per gli asintomatici, come avviene in altri paesi. Ieri però il Cts ha invitato a mantenere il bollettino quotidiano. Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri trova che “il punto centrale” non sia “la periodicità dei dati, piuttosto la loro qualità e la corretta comunicazione che deve accompagnarli per spiegarli ai cittadini. La verità – ma parlo anche da ricercatore costantemente “affamato” di dati – è che ne servirebbero ancora più e più dettagliati, così che ci aiutino a capire meglio l’andamento della pandemia e soprattutto a evitare di generare…