«Ho la coscienza pulita, sono amareggiato per i tempi della procura»- Corriere.it

di Claudio Bozza

Il fondatore del Movimento e l’indagine sui soldi ricevuti dal patron di Moby Onorato. L’ex ministro Toninelli finito nelle chat contestate: «Da Grillo mai ricevuto pressioni»

Lo descrivono molto amareggiato, basso profilo e poca voglia di parlare. A chi lo ha raggiunto ieri, Beppe Grillo ha detto semplicemente di avere la «coscienza pulita» riguardo l’inchiesta della Procura di Milano per i soldi ricevuti dal patron di Moby Onorato come sponsorizzazione del blog del comico sceso in politica.
Grillo è indagato per traffico d’infulenze e si dice «dispiaciuto e amareggiato per i tempi» dell’indagine, raccontano all’Adnkronos fonti vicine al fondatore del M5S. Oltre alla chiamata del leader del Movimento Giuseppe Conte, nella serata di ieri, tanti i messaggi di solidarietà arrivati a Grillo da parlamentari e membri pentastellati del governo.

Secca anche la reazione dell’ex ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, le cui interlocuzioni sarebbero finite nelle chat al vaglio della procura: «Non ho mai aiutato alcun concessionario nella mia azione di ministro. Con Moby e Tirrenia parlano i fatti per il sottoscritto: zero proroghe delle concessioni e gare pubbliche».E poi: «Da Grillo non ho mai ricevuto pressioni o richieste…