«Ho deluso chi mi credeva, ho danneggiato la sinistra»- Corriere.it

di Francesca Basso e Giuseppe Guastella

L’intervista all’avvocato dell’ex europarlamentare italiano Antonio Panzeri: «Così ha scelto di collaborare. Non è lui la mente, è un intermediario. L’accordo riguarda lui ma parla sperando di aiutare moglie e figlia»

BRUXELLES — «Ciò che più gli dispiace è di aver tradito la fiducia di tante persone che hanno creduto in lui»: Antonio Panzeri lo ha ripetuto al suo difensore, l’avvocato Laurent Kennes, uno dei più celebri del Belgio, che dall’arresto del 9 dicembre, insieme a Marc Uyttendaele, lo assiste nell’inchiesta che ha squassato il Parlamento europeo e che individua nel’ex eurodeputato di Pd e Articolo 1 un corruttore al soldo di Qatar e Marocco.

Avvocato Kennes, perché Panzeri si è pentito?
«Ammette le sue responsabilità e vuole negoziare una pena ridotta».

Dopo 40 giorni di carcere, come sta?
«Male perché confronta la sua condizione attuale con quella passata di uomo rispettato e rispettabile. Ora tutti sanno che ha fatto qualcosa di deprecabile. Dice a sé stesso di avere deluso la sua famiglia, chi gli era vicino e chi ha creduto nella sua politica».

In Italia il suo arresto ha avuto un grande clamore.
«Anche in Belgio. È rammaricato per avere danneggiato la sinistra, la sua parte…